Archivio dell'autore: Ignazio Gori

Il “Sonno giapponese” di Gabriele Galloni

I microcosmi che riempiono il quotidiano di Gabriele Galloni (Roma, 1995) sono degli origami distorti, piccole e sofferte impalcature di città sospese o sotterranee, popolate di sogni e visioni.
I raccontini infatti che compongono – con studiata e geometrica attenzione – “Sonno giapponese” (Italic Pequod, 75 pp. 13 Euro) sono delle grottesche variazioni della realtà: ma attenzione, non la realtà generalmente intesa tale, ma la realtà di chi vuole, vorrebbe o si è già allontanato da tutto, con macabro disincanto.
I sottomondi gnomici che ossessionano Galloni non hanno la pretesa provocatoria – e spesso ipocrita – di certa paraletteratura giovanile contemporanea, ma diversamente sono delle vere liriche, dei “salmi”, attraverso il canto dei quali, l’autore – distante e freddo come un regista-ingegnere di strambi modellini – ammonisce i voltafaccia, i doppiamaschera che capita purtroppo di incontrare ogni giorno. E dunque usando una scellerata ironia – ma sempre ambiguamente dosata composta e asettica – e soprattutto una sacra blasfemia (Galloni è scomunicato evangelista di se stesso), l’autore riesce a materializzare i sin troppo carnali fantasmi di Boris Vian (La schiuma rossa, Le formiche), di Guillaume Apollinaire (Il Bestiario), di Georges Bataille, di Copì, dell’amato Juan Rodolfo Wilcock, di Tommaso Landolfi (Il mar delle blatte) … e di un’altra manciata di profeti “elettrici”, per usare un aggettivo whitmaniamo.
Ma non è solo una questione di citazioni, perché la prosa-dimensione di Galloni subisce un certo velo pop di tipo moderno, dove le tendenze dei manga giapponesi, della musica rock anni ‘70 o dei serial televisivi hanno la loro dovuta importanza idolatrica. Viene da pensare ai Ghostbusters, alla serie tv stracult di Batman e Robin, la prima, quella con Adam West e Burt Ward, ma anche ai mercatini dell’usato della provincia americana dove Dennis Cooper si aggirava in cerca di piccole “vittime” e di disagiati sessuali … e a tanti altri recinti sociali.
La concisione e la pulizia stilistica di Galloni sono una delizia e agevolano il salmodiare di questi versetti di natura “twink” e “intersex” e in definitiva, a mio avviso, ne fanno una lisergica evasione dalla realtà, un esercizio coscienziale che sa di giostre e lunapark arrugginiti, di infiniti litorali laziali che prendono il posto delle ferlinghettiniane Coney Island of my mind …
Un esercizio coscienziale insomma, sicuramente – ma non moralista – che tenta di avvertire, di ammonire le nuove generazioni di giovani, ammorbate ormai da definizioni “fake” della felicità.
Forse, come suggerisce Galloni, meglio isolarsi, godersi le proprie paure, e dormire. Magari un lunghissimo e rigenerante sonno giapponese.

La “Lucia” più amata. Intervista a Paola Pitagora

Paola-PitagoraCome ti sei avvicinata al cinema? Era il tuo sogno o è avvenuto per caso?
Pitagora. Volevo essere attrice, per curiosità, per uscire dalla timidezza. Non sognavo grandi cose, m’innamoravo dei volti degli attori e delle attrici. Continua a leggere

“Il lanciatore scomparso e altre storie di baseball”. Un viaggio tra sogni e diamanti

Il lanciatore scomparso e altre storie di baseball“Per chi del Vecchio Gioco non conosce l’abbandono”. Con questa splendida dedica Beppe Carelli (Pescara 1958), ex campione del Rimini (sei scudetti sei!), apre il libro Il lanciatore scomparso e altre storie di baseball (RusconiLibri, 231 pp, 15 Euro), un nostalgico viaggio intorno al mondo del baseball, del Vecchio Gioco, “old game” come lo chiamano in America, il gioco più vecchio, storicamente più sentito, più radicato nei sogni dei bambini e nei ricordi degli anziani, lo sport che più ha sconfinato, a cavallo di tre secoli, in una miriade di leggende metropolitane. Continua a leggere