Sessualità a La Sapienza: al via gli incontri sulla prevenzione

Al via la serie di incontri educativo-informativi sulla fertilità organizzati dall’università La Sapienza in collaborazione con il Ministero della Salute. L’intento è quello di sensibilizzare i giovani sulle patologie della sfera sessuale ed aggiornare gli operatori sanitari.

 Dall’11 giugno al 17 settembre all’Auditorium della I Clinica medica dell’ateneo romano, si parlerà di anatomia, prevenzione, infertilità, procreazione assistita e di tutte le problematiche legate alla salute riproduttiva, troppo spesso trascurata dagli italiani.

 In questi ultimi anni, è stato registrato un aumento del 15% di sterilità nelle coppie ed una crescita delle infezioni all’apparato riproduttivo a 111 milioni di under 25. Una delle cause è il comportamento scorretto dovuto ad una scarsa informazione sul tema. L’Organizzazione Mondiale Sanità ha registrato, inoltre, un incremento di fibromi uterini, disturbi dell’ovulazione ed ormonali per le donne e malformazioni dei genitali, infiammazioni dei testicoli e patologie prostatiche per gli uomini. Insomma, ce n’è per tutti, purtroppo. «La salute riproduttiva viene spesso trascurata e presa in considerazione solo quando i problemi diventano eclatanti, con un ritardo che vanifica l’azione medica e si accompagna ad una crescita dei costi sanitari» precisa Andrea Lenzi, coordinatore scientifico del progetto e professore di endocrinologia dell’università.

 Il classico detto “prevenire è meglio che curare”, quindi, non piace molto ai giovani italiani. In realtà, si potrebbe intervenire sui fattori a rischio e studiare nuove terapie per raggiungere nuovi risultati, fondi permettendo. Il progetto è composto da sei incontri ed il 18 giugno l’Accademia della fertilità distribuirà dei questionari per analizzare le abitudini dei giovani. A chiusura della tavola rotonda sanitaria, si presenteranno delle linee guida sulla prevenzione sulla diagnosi e sulle eventuali terapie da seguire.

Gli incontri:

11 giugno: anatomia e fisiopatologia della riproduzione maschile e femminile;
18 giugno: prevenzione dell’infertilità maschile e femminile. Nuovi fattori di rischio di infertilità. Malattie a trasmissione sessuale. Sport e fertilità; 2 luglio: diagnostica clinica e strumentale dell’infertilità in andrologia e ginecologia. Fertilità e sessualità.
9 luglio: strategie terapeutiche dell’infertilità;  Terapia medica e chirurgica dell’infertilità maschile e femminile. Crioconservazione e preservazione fertilità femminile e maschile.
10 settembre: procreazione medicalmente assistita; Trattamenti e tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA). Aspetti etici e legislativi della PMA.
17 settembre: discussione di casi clinici interattivi e presentazione delle linee guida e algoritmi diagnostico-terapeutici.


Sara Stefanini

Lascia un commento