Archivi tag: giovani

Occupazione, Istat: tutti i numeri della crisi

Disoccupati, record storico. La disoccupazione aumenta, le tasse anche, gli italiani non riescono a risparmiare nulla e il ministro Riccardi dice che abbiamo bisogno di immigrati. 2,7 milioni sono senza lavoro. La strada per il seppellimento di questo Paese è consolidata. Nel 2012, 16.000 giovani, in maggioranza laureati, abbiano abbandonato il Veneto per cercare fortuna in Australia. Esportiamo ragazzi preparati a spese del paese e importiamo manovalanza generica e disoccupata, sempre a spese del paese. Continua a leggere

Caso Choosy: uno scandalo firmato Elsa Fornero
Disoccupazione giovanile al 39% ed è in aumento

L’EDITORIALE DI DIEGO CIMARA. Il ministro Fornero invita i giovani a non essere troppo choosy, esigenti, difficili da accontentare,ma con diverse interpretazioni, anche ”schizzoidi”, poco raccomandabili, insicuri, inaffidabili questo nel gergo dei giovani anglosassoni e poi ribadisce che oggi non ci sono le condizioni per essere schizzinosi, ovviamente nella disponibilità ad accettare un’occupazione stabile, qualsiasi essa sia. Ma la signora Fornero, che di danni ne ha già fatti tanti in questo Paese, dalle pensioni agli esodati,per citarne qualcuno, dove vive? Continua a leggere

Sessualità a La Sapienza: al via gli incontri sulla prevenzione

Al via la serie di incontri educativo-informativi sulla fertilità organizzati dall’università La Sapienza in collaborazione con il Ministero della Salute. L’intento è quello di sensibilizzare i giovani sulle patologie della sfera sessuale ed aggiornare gli operatori sanitari.

 Dall’11 giugno al 17 settembre all’Auditorium della I Clinica medica dell’ateneo romano, si parlerà di anatomia, prevenzione, infertilità, procreazione assistita e di tutte le problematiche legate alla salute riproduttiva, troppo spesso trascurata dagli italiani.

 In questi ultimi anni, è stato registrato un aumento del 15% di sterilità nelle coppie ed una crescita delle infezioni all’apparato riproduttivo a 111 milioni di under 25. Una delle cause è il comportamento scorretto dovuto ad una scarsa informazione sul tema. L’Organizzazione Mondiale Sanità ha registrato, inoltre, un incremento di fibromi uterini, disturbi dell’ovulazione ed ormonali per le donne e malformazioni dei genitali, infiammazioni dei testicoli e patologie prostatiche per gli uomini. Insomma, ce n’è per tutti, purtroppo. «La salute riproduttiva viene spesso trascurata e presa in considerazione solo quando i problemi diventano eclatanti, con un ritardo che vanifica l’azione medica e si accompagna ad una crescita dei costi sanitari» precisa Andrea Lenzi, coordinatore scientifico del progetto e professore di endocrinologia dell’università.

 Il classico detto “prevenire è meglio che curare”, quindi, non piace molto ai giovani italiani. In realtà, si potrebbe intervenire sui fattori a rischio e studiare nuove terapie per raggiungere nuovi risultati, fondi permettendo. Il progetto è composto da sei incontri ed il 18 giugno l’Accademia della fertilità distribuirà dei questionari per analizzare le abitudini dei giovani. A chiusura della tavola rotonda sanitaria, si presenteranno delle linee guida sulla prevenzione sulla diagnosi e sulle eventuali terapie da seguire.

Gli incontri:

11 giugno: anatomia e fisiopatologia della riproduzione maschile e femminile;
18 giugno: prevenzione dell’infertilità maschile e femminile. Nuovi fattori di rischio di infertilità. Malattie a trasmissione sessuale. Sport e fertilità; 2 luglio: diagnostica clinica e strumentale dell’infertilità in andrologia e ginecologia. Fertilità e sessualità.
9 luglio: strategie terapeutiche dell’infertilità;  Terapia medica e chirurgica dell’infertilità maschile e femminile. Crioconservazione e preservazione fertilità femminile e maschile.
10 settembre: procreazione medicalmente assistita; Trattamenti e tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA). Aspetti etici e legislativi della PMA.
17 settembre: discussione di casi clinici interattivi e presentazione delle linee guida e algoritmi diagnostico-terapeutici.


Sara Stefanini