“Stazione d’arrivo” di Concesion Gioviale

10814329_10152629850659006_1297890161_n“Quante volte avremmo voluto dire ‘ti amo’ e non è successo? E quando, finalmente, ci siamo decisi era tardi”

Ognuno ha la propria “Stazione d’arrivo”. C’è chi ci arriva facilmente e dopo il primo tentativo, chi lotta quotidianamente per trovarla e chi forse non la troverà mai. Ma quello che la scrittrice Concesion Gioviale cerca di trasmettere è che non bisogna mai fermarsi per piangersi addosso. Sprona tutti i lettori, giovani e non, a non rinunciare mai ai propri sogni e ad essere sempre determinati nel proprio percorso di vita. Continue reading

“Anime nere” di Francesco Munzi

animenereTutto parte da una bravata di un ragazzo, Leo, figlio di Luciano, un pastore di capre, e di un sud violento e vendicativo. Leo, custode di un odio bollente, distrugge con una fucilata la vetrata di un bar protetto dall’andranghetista locale. Siamo infatti ad Africo, nel grezzo sprofondo dell’Aspromonte, tra ruderi e abusivismo. Continue reading

Il maestro del teatro italiano Paolo Poli si racconta: “Amo le persone non importanti, perché sono quelle vere”

21-paolo-poli-paginaPaolo Poli, leggenda del teatro italiano, mi da’ appuntamento a casa sua, in via del Governo Vecchio, a due passi da Piazza Navona. Mi accoglie con una eleganza unica, inimitabile, una signorilità d’altri tempi. Il tono della voce è vivace, con guizzi di frizzante teatralità che affascina e ipnotizza. A tratti accademico, come un professore in pensione alle prese con un giovane sbarbatello, a tratti invece ironico e sagace, come la caricatura di una dama da salotto vittoriano. I suoi ricordi, minati di squisiti pettegolezzi, si fanno letteratura e starlo a sentire diventa un’estasi di delizia. Continue reading